Street Food Palermo

Home » Street Food » Street Food Palermo

Street Food Palermo

Dimenticate i ristoranti pluristellati o i classici menu turistici; è lo street food il miglior modo per apprezzare il meglio della cucina tipica Palermitana. Se volete scoprire eccezionali prelibatezze tradizionali, questo articolo fa proprio al caso vostro: Ecco l’elenco delle 8 specialità da provare assolutamente nel Capoluogo Siciliano.
Attenzione: un vero Palermitano purosangue potrebbe mangiare queste pietanze dalla prima all’ultima durante lo stesso pasto, ma qualunque altra persona al mondo avrebbe serie difficoltà…
La cucina palermitana non è adatta ai deboli di cuore, per cui se non siete sicuri di riuscire a mandar giù queste squisite “bombe” alimentari, non forzate la mano!

Al contrario se pensate di riuscire a mandar tutto giù fino alla fine, beh avete tutta la mia stima!
Tenete sempre a mente la regola numero 1 del cibo di strada: “Ngrasciato è mìagghiu” (Trad: Sporco è meglio). Se non vi lascierete scoraggiare dall’aspetto poco convenzionale dei classici venditori ambulanti, avrete modo di gustare quanto di meglio abbiate mai assaggiato in vita vostra…
Ricordate: il cibo è qualcosa di speciale per un palermitano, e se Palermo è una delle città più belle d’Italia, il merito è anche della sua importante tradizione culinaria.

Arancina

Le origini dell’Arancina risalgono verosimilmente al periodo della dominazione araba (Medioevo).
La vera arancina palermitana ha una particolare caratteristica: il suo nome termina con una ‘a’ (Arancina, femminile).

Arancine

Arancine

Se dovesse mai capitarvi di trovare un etichetta con scritto “arancino”; fuggite via, probabilmente un catanese vuole fregare i vostri soldi!

Pezzi di Rosticceria

Generalmente più un cibo è fritto e più è buono al palato. L’arancina conferma pienamente questa regola ma non è l’unica specialità di questo tipo che potrete gustare.
Calzoni, Spitini, Ravazzate e rollò vengono comunemente chiamati “pezzi”. Il momento migliore per mangiare un pezzo è a tarda notte, quando si ritorna a casa da una serata alcolica.

Sfincione

Lo Sfincione è la tradizionale pizza siciliana, molto più spessa della classica pizza napoletana e soprattutto condita con pomodoro, cipolla, acciuga, formaggio caciocavallo e origano.

Panelle e Crocchè

Panelle e crocchè sono un’accoppiata vincente. Le Panelle sono piccoli quadrati a base di farina di ceci; le crocchè non sono altro che sono crocchette di patate. Si possono mangiare da soli o in un panino. Da valutare anche la variante con melanzane fritte in aggiunta, davvero prelibata!

Rascatura

A Palermo non si butta via nulla! Ciò che rimane nel calderone in cui vengono fritte panelle e crocchè diventa “rascatura”. Secondo la tradizione, la “rascatura” va mangiata con un goccio di limone, ed accompagnata da una birra ghiacciata.

Pani ca’ Miévusa

Il Palermitano Doc ha un alimento preferito: il pane con la milza. Non lasciatevi ingannare dalle apparenze, in un primo momento potrebbe sembrarvi una cosa disgustosa da mangiare, ma credetemi è veramente eccezionale, sia condito semplicemente con sale e limone, sia nella variante detta “maritatu” (con aggiunta di caciocavallo o ricotta).

Frittola

La frittola è forse meno nota rispetto alle altre pietanze. Sono sostanzialmente tutti gli scarti del vitello: grassetti e piccole cartilagini dalle ossa. Vengono cotti ad alta temperatura in grandi silos e serviti naturalmente dai venditori ambulanti.

Stigghiola

Vagando per le strade di Palermo durante la notte, l’odore delle stigghiola vi condurrà direttamente al mercato della Vucciria. Quì troverete uomini intenti ad arrostire intestino di pecora o capra, talvolta avvolti in porro o servito con cipolla.

Comments are closed.

Translate »